***RECENSIONE*** Shadowhunters – 2×01 “The Guilty Blood”

…e dacci oggi la nostra dose di trash quotidiano, amen.

Dopo il ritorno di Sherlock era difficile che questo 2017 telefilmico facesse di meglio, quindi ha deciso di gettare la spugna e abbassare totalmente le nostre aspettative, così che tutto quello che verrà dopo sarà per forza migliore.Come potrete capire, continuo a non essere per nulla una fan di Shadowhunters e se vi chiedete perché continui a guardarlo, vi lascio di seguito due ottime ragioni.

Potete biasimarmi?

Posso ammettere che in una cosa lo show è migliorato: lo schifo. Partiamo dalle basi proprio, come la musica e la sigla d’apertura. Potevano fare peggio? Non credo. Sembra l’intro di uno spettacolo di moda Victoria’s Secret Style. Per il resto, ci troviamo sempre sullo stesso livello.
Viene introdotto un nuovo “antagonista”, Victor Aldertree, che dovrebbe aiutare gli Shadowhunters a ritrovare Jace, mentre si rivela, a gran sorpresa, contro il ragazzo in quanto è convinto che collabori col padre, allora decide di mettere l’istituto sotto chiave per impedire ai suoi amici di cercarlo. Ovviamente Alec, Izzy e persino Clary entrano ed escono con la stessa facilità con cui Lindsay Lohan entra ed esce dalle cliniche di disintossicazione. Addirittura, la ragazza col gatto di Hermione in testa riesce a eludere la sicurezza dopo essersi trasformata nel nemico, illuminazione fulminante che ha avuto a seguito di una citazione improbabile di Izzy a “L’arte della Guerra”. Chi glielo spiega agli autori che buttare citazioni a caso non alzerà il livello dello show?

Di rilevante non succede altro. Mi vorrei soffermare solo su alcuni punti:
1. Questo show ci fornisce un esempio genitoriale che, se possibile, è peggio della realtà: sorvolando su Valentine che non merita neppure l’appellativo di padre, vogliamo parlare della facilità con cui la signora Lightwood volta le spalle a Jace dopo averlo cresciuto come un figlio suo? E che dire di Jocelyn che cerca di colpire quello che potrebbe essere il suo Jonathan con una freccia?
2. Jace continua ad aver quell’unica espressione di chi è sul punto di vomitare in tutte le scene. Anche se in questo episodio non è stato totalmente fuori luogo, visto che il padre dell’anno ha deciso di giocare a Masterchef. Il tentativo di Valentine di trasformare il “figlio” in un giustiziere notturno ha una probabilità di successo pari a quella di sopravvivenza dei nostri personaggi preferiti in Game Of Thrones.
3. A Clary va riconosciuto che ha imparato ad alzare il sopracciglio, quindi abbiamo una nuova pietosa espressione nel range delle facce della pietà che mostra ogni volta.

4. La crisi tra Alex e Magnus arriva più in fretta di quanto ci saremmo aspettati se fossero usciti dal trono gay di Uomini e Donne e la velocità con cui fanno pace è pari solo alla velocità con cui Tina Cipollari grida al “business”!
5. L’uomo episodio è senza dubbio Simon: tenero nel tentativo fallimentare di lanciare incantesimi, dolce quando prova a confessare i suoi sentimenti a Clary, esilarante quando la prende per culo ricordandole che è un vampiro e se corre lentamente lo fa per stare al passo di lei!

Da standing ovation.

E voi cosa ne pensate di questo ritorno? Siete schifati come me o vi è piaciuto? Fatemelo sapere.

_Fra_

Shadowhunters – Serie TV




2 pensieri su “***RECENSIONE*** Shadowhunters – 2×01 “The Guilty Blood”

Rispondi