*** RUBRICA *** Coffe and TV Show!

large-300x300Anche oggi sono qui ad allietare il vostro lunedì. 😛
Preparate i caffè e buona lettura!!!

Once Upon A Time. Solo una domanda. Perché? Qual è il senso di stravolgere così una delle storie più belle di sempre? E non parlo tanto della sorellastra che da bulla si trasforma in vittima, né del principe che è l’incarnazione del detto “è bello ma non balla”, ma parlo proprio di lei, di Cenerentola, che mai e poi avrebbe fatto un gesto così ignobile come quello di “vendere” informazioni su qualcuno per ottenere un vantaggio per sé. Neppure se quel qualcuno fosse stato il suo peggior nemico, per cui figuriamoci con qualcuno che le aveva aperto il cuore poco prima. Questa rivisitazione del personaggio ha messo in ombra la bellezza del flashback, che da sempre è la mia storyline preferita, solo per cercare di dare un senso a questo nuovo “mondo parallelo”. Ma perché non le raccontate e basta queste benedette untold stories e lasciate stare quelle già told, e pure bene? Di contro ho amato Biancaneve molto “cuoriciosa” ed “unicornosa” che sta progettando un futuro migliore per Storybrooke, ripartendo proprio dalla scuola. Forse i nostri politici dovrebbero trarre esempio. No a David che parte per crociate personali, ci basta già quella di Regina.

Poldark. Ma di quali disturbi soffre Ross, che mette sempre Elisabeth ed il nipote prima di tutti? Ora, capisco la nobiltà d’animo, la riconoscenza, anche la pietà, ma non sei lo zio d’America con soldi da buttare, stai morendo di fame, come fai a non pensare prima alla tua famiglia? Non dico a Demelza, ma almeno a tuo figlio. Ad averceli parenti così oh. Credo che mai nella storia siano esistiti. Per altro Elisabeth mi è scaduta ancora di più, poiché ha chiaramente deciso di vendersi al nemico pur di sopravvivere. Ecco, tipico esempio di come la vicinanza a Ross non le abbia insegnato proprio nulla! Chi continua a stupire positivamente è Caroline, ben lontana dalla ragazzina viziata e capricciosa che ci saremmo aspettati. Ross sa, però, farsi perdonare, facendo ammenda e riconoscendo il valore della donna che ha accanto. Assolutamente carica di pathos la scena finale tra lui e la moglie!

The Flash. Un secondo episodio decisamente migliore. C’è ancora qualche nota stonata, ma ci i può lavorare. Partiamo da qui. Cisco. Ok, toccatemi tutto ma non lui. Nella prima parte dell’episodio è stato assolutamente inguardabile ed insopportabile, col muso lungo, triste e depresso. Totalmente out of character. Una volta appreso perché, il suo atteggiamento è comprensibile, ma bisogna stare molto attenti, gli autori stanno lavorando su una linea troppo sottile, un passo falso e rischiano di farlo apparire bipolare ed anche un po’ pagliaccio.
A quanto pare Barry è stato capace di creare una terza linea temporale, in cui il cattivo è Doctor Alchemy e, dopo una lunga riunione di famiglia, il Team decide di perdonare Barry ed aiutarlo a fermare questo meta umano atipico. Le conseguenze peggiori al momento si rivelano la morte di Dante, la possibilità che Caitlin sia Killer Frost e la scomparsa di Sara, la figlia di Diggle, che è stata sostituita da Little John…E qui sorgono molte domande, prima fra tutte, quanta gente morta verrà resuscitata? Anche qui bisogna fare molta attenzione, perché lo scempio è dietro l’angolo.
Ottimo il cameo di Dawson’s Creek, unico momento interessante di un’altrimenti inutile visita al sosia di papà Allen. Ma chi ha vinto è il nuovo collega di Barry, Julian. Interpretazione magistrale per un personaggio che appare subito complesso e pieno di potenziale. Il bonus? L’accento British.

Il premio momento inutile va alla scena stucchevole tra Barry ed Iris. Vi ha ricordato qualcosa il loro bacio?

2 Broke Girls. Sotto tono il ritorno di questa serie, che mi ha profondamente delusa, tra gag dal sapore noto ed altre di cattivo gusto. Seriamente, la scena in cui Sophie rompe le acque a me ha fatto più schifo che ridere. Ero esaltata per il doppio episodio, mi aspettavo risate raddoppiate ed invece ho riso ben poco. Ma ancora è presto per dare giudizi definitivi e sappiamo che c’è un alto potenziale!!!

The Big Bang Theory. Buono ma non eccezionale. La situazione di Raji sta sfuggendo un po’ di mano, della serie “il gioco è bello quando dura poco”, ora si sta un po’ esagerando e la sua sta diventando un’invadenza fastidiosa, piuttosto che una simpatica morbosità. Per il resto, come al solito, si punta su Sheldon, perché a tutti piace vincere facile!

_Fra_




Rispondi